La metamorfosi

di

Kafka Franz

Segno della data di inizio lettura in prima pagina: "D 7.1.96"

segni particolari:

donato il

2 dicembre 2021

da

Franceschini

Dario

Politico, Ministro della Cultura

La donazione

Il ministro della cultura Dario Franceschini ha voluto onorare l'inaugurazione della Biblioteca Delgado e di Ideale attraverso la donazione del suo personale volume de "La Metamorfosi" di Franz Kafka. Il volume è stato letto dal ministro nel 1996. In occasione della donazione il Ministro ha voluto riacquistare per sé su Ebay una copia identica a quella in nostro possesso, pur di continuare a possedere la stessa edizione. L'originale tuttavia è in nostro possesso.

Segni particolari

Segno della data di inizio lettura in prima pagina: "D 7.1.96"

Il donatore

Dario Franceschini (Ferrara, 19 ottobre 1958) è un avvocato, scrittore e politico italiano, dal 13 febbraio 2021 ministro della cultura nel governo Draghi, incarico che ha ricoperto nei governi Renzi, Gentiloni e Conte II come "ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo".

In precedenza ha ricoperto la carica di sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri nei governi D'Alema II e Amato II, oltre che di ministro per i rapporti con il Parlamento e il coordinamento dell'attività di governo nel governo di larghe intese Letta.

Appassionato di letteratura, nel 2006 ha pubblicato il suo primo romanzo "Nelle vene quell'acqua d'argento", con il quale nel 2007 ha vinto in Francia il Premier Roman di Chambery e, in Italia, il Premio Opera Prima Città di Penne e il Premio Bacchelli. Il romanzo ha ottenuto un notevole successo di critica in Francia, dove è stato pubblicato da Gallimard nella collana L'Arpenteur con il titolo Dans les veines ce fleuve d'argent e successivamente ripubblicato nella collana tascabile "Folio".

Nel 2007 ha pubblicato il romanzo La follia improvvisa di Ignazio Rando, da cui è stato tratto un omonimo spettacolo teatrale della compagnia "Giorni Dispari Teatro" di Varese con la regia di Serena Nardi.

Nel 2011 esce il suo libro Daccapo, un romanzo che ha come protagonista il figlio di un notaio di provincia che ha avuto 52 figli segreti da altrettante prostitute. Il romanzo, finalista al Premio letterario Città di Rieti, è stato tradotto in Francia nel 2017 per Gallimard, nella collana L'Arpenteur, con il titolo Ailleurs, ed è stato nella classifica de L'Express dei 30 romanzi più venduti. Nel febbraio 2019 il romanzo viene ripubblicato nella collana tascabile “Folio”.

Nel 2013 pubblica il suo quarto romanzo Mestieri immateriali di Sebastiano Delgado. Libro ispiratore della Biblioteca Delgado.
I suoi primi quattro romanzi sono stati pubblicati da Bompiani.

Nel luglio 2017, per Daccapo, gli è stato assegnato il Premio letterario "La Tore" Isola d'Elba, a Marciana Marina (Isola d'Elba). Nello stesso anno pubblica "Disadorna e altre storie" una raccolta di 20 racconti per La Nave di Teseo, finalista nel 2018 nella sezione narrativa del Premio Croce e del Premio "Carlo Cocito" per libri di racconti. Nel maggio 2021 esce in Francia, sempre per Gallimard, con il titolo “Dépouillée et autres histoires”.
È componente della giuria del Premio Strega.

Link utili